TURIN TRAVEL GUIDE

PIEDMONT> Turin  - the first Italian Capital City

Booking.com
Da alcuni secoli la citta' di Torino riveste  un'importanza primaria nella storia e nell'economia italiana. 
E' stata la prima capitale del Regno d'Italia nel XIX secolo, e puo' considerarsi la culla dell'idea stessa di un'Italia unita, ottenuta sotto la guida della dinastia Savoia, grazie all'ingegno dell' illustre politico torinese Camillo Benso, conte di Cavour.
Torino ha sempre rappresentato un traino per l'economia nazionale, grazie alle sue fiorenti industrie, in particolare nel settore automobilistico e in quello alimentare. 
Oggi la città rappresenta uno dei principali poli produttivi del Paese, con un ruolo da leader per le esportazioni del made in Italy nei mercati di tutto il mondo. Ma sopratutto ,dalle Olimpiadi Invernali del 2006, la città ha saputo reinvertarsi e diventare un fortissimo polo di attrazione turistica.

visit  Turin

Attraversata dal maestoso fiume Po e circondata da incantevoli colline, Torino è meta di un turismo attratto dall'indole cosmopolita della città e affascinato dalla sua vocazione culturale.
La stessa concezione urbanistica della città sembra già un invito alla visita, con i suoi immensi viali alberati e le lunghe teorie di portici che ne caratterizzano le vie, come quelli che circondano la splendida piazza San Carlo.
Sempre tesa ad uno sviluppo eco-sostenibile, nulla a che vedere con la vecchia metropoli industriale di un tempo, Torino oggi offre ai suoi ospiti degli splendidi parchi dove concedersi un'evasione dai ritmi cittadini, come il grande Parco del Valentino.


Castle Square

L' immensa Piazza Castello è il vero cuore pulsante della città: sede di grandi eventi e manifestazioni, è circondata da autentiche meraviglie architettoniche che meritano una visita, come il secentesco Palazzo Reale. 
Periodicamente mostrata al pubblico, la Sacra Sindone è custodita, invece, nel Duomo in Piazza San Giovanni, altra perla da vedere.

Mole Antonelliana

Tra le attrazioni assolutamente da non perdere quando si visita Torino, ovviamente, al primo posto va menzionata la Mole Antonelliana, autentico simbolo della città, ed oggi sede del Museo Nazionale del Cinema

Il suo ascensore panoramico consente di godere di una spettacolare vista dall'alto dell'interno dell'edificio e di raggiungere il cosiddetto Tempietto, da cui si può vedere un suggestivo panorama della città


.

Venaria Reale


Tra i siti più importanti da visitare che abbiamo volutamente lasciato in fondo la Reggia di Venaria Reale che , recentemente restaurata, rimane un luogo in cui è indispensabile andare, sia per vedere la Reggia vera e propria con le sale e il Museo , ma anche per la visita del bellissimo Parco: un must !

Val di Susa

Per chi è disposto a spostarsi appena fuori città, un percorso insolito ma molto affascinante porta in Val di Susa, alla Sacra di San Michele, storico monumento religioso, meta di pellegrinaggi lungo la Via Francigena e meritevole di una visita.


Egyptian Museum

Il rinomato Museo Egizio custodisce collezioni di altissimo pregio e valore storico, ed ogni anno accoglie migliaia di visitatori, attratti dal misterioso fascino di sfingi, sarcofaghi e papiri.

Open Mon. 09.00-14.00 Tue.- Frid.  09.00 - 18.30
Via Accademia delle Scienze, 6, 10123 Torino
tel.: 011.5617776 - infos & booking: 011.4406903
 email: info@museitorino.it      www. museoegizio.it



STEMMA DEL COMUNE DI TORINO

Tourist Info

Uffici  informazione e accoglienza turistica IAT a Torino


  • Piazza Castello ang. Via Garibaldi       da lunedì a domenica 9.00 - 19.00 

  • Stazione Ferroviaria Porta Nuova   da lunedì a domenica 9.00 - 19.00 

  • Aereoporto Internazionale di Caselle   da lunedì a domenica 9.00 - 20.00 

Call Center - da lunedì a domenica 9.00 - 19.00

Sito internet: www.turismotorino.org

EVENTS & EXHIBITIONS

Sempre incline alla diffusione della cultura nelle sue varie forme, Torino è sede, nel mese di maggio, del Salone Internazionale del Libro, manifestazione che ospita, presso il centro congressi Lingotto Fiere, oltre 300.000 visitatori ogni anno.

Nella storica sede del Lingotto ha luogo anche l'AutoMotoRetrò, manifestazione che, insieme all'AutoMotoRacing, richiama in città, ogni febbraio, migliaia di appassionati di auto d'epoca e di veicoli da competizione.

Nel mese di ottobre, con cadenza biennale, il Salone Internazionale del Gusto, di pari passo con il Festival Terra Madre, promuove le eccellenze della buona tavola italiana nell'ottica di un'alimentazione sostenibile.


MUSEO CIVICO D'ARTE ANTICA

Palazzo Madama prende il nome dalle "madame" Cristina di Francia, moglie di Vittorio Amedeo I, reggente per il figlio dal 1637, e Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours, seconda moglie di Carlo Emanuele II, reggente dal 1675.  

Le origini del Palazzo risalgono all'età romana , per  arrivare all'aspetto attuale attraverso vari interventi il più importante dei quali è sicuramente quello derivante dal progetto dell'architetto messinese Filippo Juvarra del quale però venne realizzata solo la nuova facciata (1718 - 1721), 

Nel 1801 venne distrutta la galleria che lo univa a Palazzo Reale; successivamente fu sede di:  Regia Pinacoteca  (1832-1865) ,  Osservatorio astronomico (demolito nel 1920),  Senato subalpino indi italiano (1848 - 1864), Corte di Cassazione. 

Nel 1934  Palazzo Madama  divenne infine sede del Museo Civico di Arte Antica , funzione che mantiene ancora oggi dopo l' importante azione di restauro terminata nel 2006.

Museum Info 

PALAZZO MADAMA

Museo Civico d’ArteAntica


Piazza Castello 10122 TORINO

tel.   +39 011 4433501
fax  +39 011 4429929
Visite guidate tel. +39 011 5211788
Laboratori famiglie e scuole tel. +39 011 4436999
EMAIL: palazzomadama@fondazionetorinomusei.it
palazzomadamatorino.it

Lunedì: ore 10.00-18.00 | da mercoledì a venerdì: ore 10.00-18.00
Sabato: ore 11.00-19.00 | Domenica: ore 10.00-19.00
La biglietteria chiude un’ora prima.  | Chiuso il martedì.
In caso di eventi straordinari, notti bianche, festività, gli orari possono subire variazioni. Controlla il sito web del museo  per gli ultimi aggiornamenti
INGRESSI
Intero € 10,00 – Ridotto  € 8,00 
Gratuito per i minori di 18 anni e altre categorie.
Il primo mercoledì del mese, non festivo, l'ingresso è gratuito per tutti 
Gli orari di apertura e le tariffe possono essere soggetti a variazioni anche in funzione di Mostre temporanee 

the taste of Piedmont


Famosa per i suoi café in stile liberty, Torino si fa apprezzare anche per la buona tavola. 

Nei migliori ristoranti del centro potrete apprezzare la ricercatezza della cucina locale, che in un menù ideale potrebbe cominciare con una portata di vitel tonné, leggero e saporito, o una tartare di fassona, con nocciole ed olio di tartufo.
Per proseguire questo viaggio tra i sapori torinesi, tra i primi piatti sono irrinunciabili gli agnolotti al burro e salvia, ma anche un piatto di tajarin al castelmagno e radicchio stuzzicherà i palati più fini.
Un secondo di brasato al barolo rappresenta la perfetta sintesi dell'eccellenza gastronomica piemontese, per una cena da concludere assolutamente con una delle tante delizie al cioccolato, autentica specialità della città.


The "Grissini"

GRISSINI TORINO

Bagna Cauda

ingredienti: (per 4 )

  • olio oliva 300 gr.
  • acciughe sotto sale 150 gr.
  • burro di montagna 50 gr.
  • 6 spicchi di aglio
Pulire le acciughe raschiando con un cortellino l'esterno e asciugandole poi con una pezzuola,  , aprirle e deliscarle e poi tritare sottilmente l'aglio. In una casseruola di terracotta con manico sciogliere a fuoco lento il burro, quindi inserire l'aglio senza farlo rosolare  e solo dopo aggiungere le acciughe e l'olio. Fare sobbollire il tutto  sempre a fuoco molto basso per dieci mnuti circa fino a che il composto rassomigli a una salsetta.
Servire con l'apposito fornello, con i commensali che intingeranno nella casseruola le verdure crude come i cardi oppure peperoni arrostiti , le foglie di verza o i topinambur.
Per accompagnare questo piatto  della cucina povera , ma ricco di storia e di gusto,  ci vorrebbe un bianco ma la tradizione vuole rosso: quindi  abbinare a  una Barbera d'Asti giovane.